Sostieni l'editoria indipendente, fai una donazione volontaria a Velletri Life
IBAN: IT40H0760114800001030033649

intestato a Rocco Della Corte

15/05/2021 "Versetti che fanno discutere": il Vangelo di don Gaetano Zaralli    |     15/05/2021 “Salviamo il pianeta”: alla scoperta del libro della giovanissima Lisa Caponera di “Fontana delle Rose”    |     15/05/2021 "Sicurezza Informatica e Crimini Informatici"     |     15/05/2021 Il rispetto del limite di velocità non salva l’automobilista dalla condanna per omicidio colposo    |     15/05/2021 David di Donatello per “Mi chiamo Francesco Totti”, la gioia dell’attore veliterno Massimo Annibali    |     14/05/2021 “Cittadinanza e Dialogo” al Liceo Scientifico "Landi"    |     14/05/2021 "Senza Respiro - Un anno di Covid-19", Il ringraziamento della Asl Roma 6 ai suoi operatori    |     14/05/2021 Vittorio Sgarbi alla Biennale Internazionale di Nemi dal 23 maggio al 27 giugno 2021    |     14/05/2021 Riapre la Biblioteca Fondo Antico, si accede con prenotazione     |     14/05/2021 Maggio dei libri 2021: presentazione del libro “Donne” di Alessia Mattacchioni    |    
 

MONDO

sabato 10 aprile 2021





































II DOMENICA T.P.

"Mostrami il fianco": il Vangelo di don Gaetano Zaralli



di Dagli scritti di Gaetano Zaralli

altri articoli dello stesso autore



Gv 20,19-31

 

TESTO

La sera di quel giorno, il primo della settimana, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei, venne Gesù, stette in mezzo e disse loro: «Pace a voi!». Detto questo, mostrò loro le mani e il fianco. E i discepoli gioirono al vedere il Signore. Gesù disse loro di nuovo: «Pace a voi! Come il Padre ha mandato me, anche io mando voi». Detto questo, soffiò e disse loro: «Ricevete lo Spirito Santo. A coloro a cui perdonerete i peccati, saranno perdonati; a coloro a cui non perdonerete, non saranno perdonati».

Tommaso, uno dei Dodici, chiamato Dìdimo, non era con loro quando venne Gesù. Gli dicevano gli altri discepoli: «Abbiamo visto il Signore!». Ma egli disse loro: «Se non vedo nelle sue mani il segno dei chiodi e non metto il mio dito nel segno dei chiodi e non metto la mia mano nel suo fianco, io non credo».

Otto giorni dopo i discepoli erano di nuovo in casa e c'era con loro anche Tommaso. Venne Gesù, a porte chiuse, stette in mezzo e disse: «Pace a voi!». Poi disse a Tommaso: «Metti qui il tuo dito e guarda le mie mani; tendi la tua mano e mettila nel mio fianco; e non essere incredulo, ma credente!». Gli rispose Tommaso: «Mio Signore e mio Dio!». Gesù gli disse: «Perché mi hai veduto, tu hai creduto; beati quelli che non hanno visto e hanno creduto!».

Gesù, in presenza dei suoi discepoli, fece molti altri segni che non sono stati scritti in questo libro. Ma questi sono stati scritti perché crediate che Gesù è il Cristo, il Figlio di Dio, e perché, credendo, abbiate la vita nel suo nome.

 

COMMENTO

…mostrò loro le mani e il fianco…

 

Il tempo segnato dal racconto del vangelo ha un valore relativo, o meglio, l’aspetto umano di Gesù, perciò le forme del suo corpo e tutti gli elementi che vi fanno riferimento, per una comunità che ormai ha fatto molta strada, non sono più riconoscibili e le uniche caratteristiche che fanno ancora di un uomo il figlio di Dio, morto in croce e risuscitato dopo tre giorni,  sono le mani forate dai chiodi e il fianco trafitto dalla lancia.  Questa la carta di identità del Salvatore del mondo e questa  vale oggi e varrà fino alla consumazione dei secoli come documento autentico da mostrare.

Un cristianesimo senza amore è solo scialba religione e di questa si può fare tranquillamente a meno. Cospargete il mondo di sacre immagini, innalzate croci su ogni cocuzzolo, piantate calvari in ogni crocicchio… tutto ciò a nulla varrà, se ai simboli non farà riscontro l’amore e la dedizione senza limiti che ciascun battezzato assicurerà all’altro. “Vi riconosceranno come miei seguaci, se vi amerete l’un l’altro”. (Gv 13,34-35)

Ad ogni cristiano si dovrebbe poter chiedere:  “Mostrami le mani e il fianco e io riconoscerò  in te la fede!…”. Le mani di un credente sono ricoperte da calli, perché il lavoro della testimonianza è faticoso e il badile che si agita nell’aria ricade pesante  sulle zolle rese aride dalla siccità e dal pietrisco.

Il fianco dell’uomo di fede si schiude e sanguina, perché  in modo continuo viene messo alla prova dall’amore fraterno; perché la frenesia di creare spazio per tutti, anche per chi nella logica comune dovrebbe essere odiato, spezza il cuore.

 

Otto giorni dopo… c`era con loro anche Tommaso…

 

Quando si pretende di arrivare alla fede attraverso la visione di un bel film, quella fede sarà cieca o al massimo arriverà, chiusa com’è per timore di perdersi, appena a risolvere qualche piccolo problema  personale.

 L’infantilismo fa fatica a morire. Vorremmo vederci piovere addosso le cose belle che desideriamo, vorremmo provare la sorprendente dolcezza di ritrovarci sommersi da regali, quelli chiesti segretamente perché siamo buoni, ed altri che vorremmo avere nell’illusione sempre feconda di credere il Dio giusto, quello che sforna miracoli.

 













Note Legali


Velletri Life - www.velletrilife.com

Testata giornalistica registrata con autorizzazione del Tribunale di Velletri n°13/2013 in data 11-09-2013.

Aggiornamenti quotidiani in tempo reale.
Service Provider: Aruba

Per inviare comunicati e segnalazioni:
redazionevelletrilife@gmail.com

Facebook: Velletri Life Giornale

Twitter: VelletriLife

Il sito si avvale unicamente di cookies tecnici



CONTATTI: Redazione Velletri Life


Direttore e Proprietario:
Dott. Rocco Della Corte


Orari di apertura della Redazione (su appuntamento)
Sede: Via IV Novembre, 11 - 00049 Velletri (RM)

Dal Lunedì al Venerdì: 9,30-13,00
Sabato e Domenica: Chiuso.
Redazione web sempre operativa


VelletriLife  
 
VelletriLife

Modalità di pubblicazione


Le collaborazioni con il Giornale sono da considerarsi del tutto gratuite e volontarie, salvo diverso accordo scritto con la Redazione. Tutti i collaboratori non hanno pertanto introiti e svolgono questo lavoro per sola passione. I materiali spediti in Redazione via email (articoli, immagini, interviste, etc) non verranno in nessun caso restituiti.
La Redazione si riserva di pubblicare o meno i contenuti ricevuti a proprio insindacabile giudizio. Per la riproduzione o la citazione di articoli, immagini e/o contenuti è gradita una richiesta specifica via email. Talvolta vengono utilizzate immagini di repertorio tratte dal web: controlliamo scrupolosamente la fonte, ma qualora doveste ravvisare la presenza di immagini di vostra proprietà qui pubblicate inviateci una email e provvederemo a rimuoverle immediatamente.