Sostieni l'editoria indipendente, fai una donazione volontaria a Velletri Life
IBAN: IT40H0760114800001030033649

intestato a Rocco Della Corte

15/05/2021 "Versetti che fanno discutere": il Vangelo di don Gaetano Zaralli    |     15/05/2021 “Salviamo il pianeta”: alla scoperta del libro della giovanissima Lisa Caponera di “Fontana delle Rose”    |     15/05/2021 "Sicurezza Informatica e Crimini Informatici"     |     15/05/2021 Il rispetto del limite di velocità non salva l’automobilista dalla condanna per omicidio colposo    |     15/05/2021 David di Donatello per “Mi chiamo Francesco Totti”, la gioia dell’attore veliterno Massimo Annibali    |     14/05/2021 “Cittadinanza e Dialogo” al Liceo Scientifico "Landi"    |     14/05/2021 "Senza Respiro - Un anno di Covid-19", Il ringraziamento della Asl Roma 6 ai suoi operatori    |     14/05/2021 Vittorio Sgarbi alla Biennale Internazionale di Nemi dal 23 maggio al 27 giugno 2021    |     14/05/2021 Riapre la Biblioteca Fondo Antico, si accede con prenotazione     |     14/05/2021 Maggio dei libri 2021: presentazione del libro “Donne” di Alessia Mattacchioni    |    
 

MONDO

martedì 13 aprile 2021




























ERA IL 13 APRILE 2000

Ventuno anni fa moriva Bassani, professore, scrittore e poeta del "Giardino"





Sono passati ventuno anni da quel 13 aprile del 2000, quando Giorgio Bassani morì a Roma dopo la lunga malattia che aveva caratterizzato i suoi ultimi anni di vita. Un'esistenza, quella dello scrittore ferrarese, sempre all'insegna dell'impegno intellettuale, sociale, civile e politico sin dalla giovanissima età.

 

Nato a Bologna e poi cresciuto a Ferrara, visse l'orrore delle leggi razziali e della guerra militando nei gruppi anti-fascisti. Dopo gli esordi come poeta, le esperienze di insegnamento che lo segnarono tra cui quella all'Istituto d'Arte 'Juana Romani' di Velletri che suscitò in lui una dura e sdegnata requisitoria nei confronti dei mancati adempimenti da parte dello Stato verso la scuola pubblica. A pochi chilometri da Velletri, intanto, cominciò a frequentare Ninfa e il giardino che oggi è uno dei più belli del mondo all'epoca prendeva forma sotto il mecenatismo di Marguerite Chapin e Lelia Caetani. Proprio grazie a Marguerite, Bassani divenne il cuore pulsante della rivista 'Botteghe oscure' intorno alla quale gravitavano decine di intellettuali, scrittori, poeti che avrebbero fatto la storia.

 

Nel 1956 arriva la prima grande consacrazione: le 'Cinque storie ferraresi' vincono il Premio Stega. Cinque racconti di rara bellezza, insidiosi, densi, carichi di tematiche storiche e sociali, con personaggi tutti da scoprire e contestualizzare. Per Bassani è l'inizio di un periodo d'oro: nel 1958 pubblica 'Gli occhiali d'oro', una storia meravigliosa ambientata fra le nebbie di una provincia bigotta e spietata. Nel 1962 quello che viene considerato, a torto o ragione, il capolavoro: il 'Giardino dei Finzi-Contini', sugli orrori della guerra e sulle consuetudini sradicate di una famiglia ebraica ferrarese che vive nell'illusione di potersi isolare dalle brutture esterne grazie alle alte mura di un monumentale e curato giardino. Tutti questi scritti sono tasselli di quello che lo stesso autore concepisce, in futuro, come il 'romanzo di Ferrara'. La città di Bassani è protagonista assoluta non solo dello scenario, ma anche della narrazione. 

 

Bassani, intanto, è attivissimo in vari campi: nella critica letteraria, nell'arte, nel mondo civile, nella politica. Fonda insieme ad altri intellettuali, nel 1955, 'Italia Nostra', a difesa del paese sacro con una serie di attività in favore dell'ambientalismo. Dal carattere forte, deciso, schivo, Giorgio Bassani darà alle stampe nel 1968 'L'airone', una risposta ad una profonda crisi esistenziale, come confiderà a Manlio Cancogni in un'intervista. Negli ultimi anni della sua vita molte sono le peripezie che vive.

 

Commovente il racconto della figlia Paola, che descrive alcune delle ultime visite fatte da suo padre pochi anni prima di morire, tra cui una a Ninfa e l'altra a Velletri in cerca del giardino e della scuola. Ninfa ispirò il 'Giardino dei Finzi-Contini', nella tranquillità dell'oasi pontina tratteggiò l'idea embrionale della storia di Micòl, Ermanno, e così via. Ventuno anni dopo è inutile dover ribadire quale sia l'attualità bassaniana: lo dimostrano gli studi, le ricerche, le scoperte, le analisi critiche che possono essere tratte dalle sue opere.

 

'Sia suggellato qui quel poco che il cuore ha saputo ricordare'.













Note Legali


Velletri Life - www.velletrilife.com

Testata giornalistica registrata con autorizzazione del Tribunale di Velletri n°13/2013 in data 11-09-2013.

Aggiornamenti quotidiani in tempo reale.
Service Provider: Aruba

Per inviare comunicati e segnalazioni:
redazionevelletrilife@gmail.com

Facebook: Velletri Life Giornale

Twitter: VelletriLife

Il sito si avvale unicamente di cookies tecnici



CONTATTI: Redazione Velletri Life


Direttore e Proprietario:
Dott. Rocco Della Corte


Orari di apertura della Redazione (su appuntamento)
Sede: Via IV Novembre, 11 - 00049 Velletri (RM)

Dal Lunedì al Venerdì: 9,30-13,00
Sabato e Domenica: Chiuso.
Redazione web sempre operativa


VelletriLife  
 
VelletriLife

Modalità di pubblicazione


Le collaborazioni con il Giornale sono da considerarsi del tutto gratuite e volontarie, salvo diverso accordo scritto con la Redazione. Tutti i collaboratori non hanno pertanto introiti e svolgono questo lavoro per sola passione. I materiali spediti in Redazione via email (articoli, immagini, interviste, etc) non verranno in nessun caso restituiti.
La Redazione si riserva di pubblicare o meno i contenuti ricevuti a proprio insindacabile giudizio. Per la riproduzione o la citazione di articoli, immagini e/o contenuti è gradita una richiesta specifica via email. Talvolta vengono utilizzate immagini di repertorio tratte dal web: controlliamo scrupolosamente la fonte, ma qualora doveste ravvisare la presenza di immagini di vostra proprietà qui pubblicate inviateci una email e provvederemo a rimuoverle immediatamente.