Sostieni l'editoria indipendente, fai una donazione volontaria a Velletri Life
IBAN: IT40H0760114800001030033649

intestato a Rocco Della Corte

15/05/2021 "Versetti che fanno discutere": il Vangelo di don Gaetano Zaralli    |     15/05/2021 “Salviamo il pianeta”: alla scoperta del libro della giovanissima Lisa Caponera di “Fontana delle Rose”    |     15/05/2021 "Sicurezza Informatica e Crimini Informatici"     |     15/05/2021 Il rispetto del limite di velocità non salva l’automobilista dalla condanna per omicidio colposo    |     15/05/2021 David di Donatello per “Mi chiamo Francesco Totti”, la gioia dell’attore veliterno Massimo Annibali    |     14/05/2021 “Cittadinanza e Dialogo” al Liceo Scientifico "Landi"    |     14/05/2021 "Senza Respiro - Un anno di Covid-19", Il ringraziamento della Asl Roma 6 ai suoi operatori    |     14/05/2021 Vittorio Sgarbi alla Biennale Internazionale di Nemi dal 23 maggio al 27 giugno 2021    |     14/05/2021 Riapre la Biblioteca Fondo Antico, si accede con prenotazione     |     14/05/2021 Maggio dei libri 2021: presentazione del libro “Donne” di Alessia Mattacchioni    |    
 

MONDO

sabato 17 aprile 2021





































III DOMENICA T.P.

"Qualcosa da mangiare": il Vangelo di don Gaetano Zaralli



di Dagli scritti di Gaetano Zaralli

altri articoli dello stesso autore



Lc 24,35-48

 

TESTO

Ed essi narravano ciò che era accaduto lungo la via e come l'avevano riconosciuto nello spezzare il pane.

Mentre essi parlavano di queste cose, Gesù in persona stette in mezzo a loro e disse: «Pace a voi!». Sconvolti e pieni di paura, credevano di vedere un fantasma. Ma egli disse loro: «Perché siete turbati, e perché sorgono dubbi nel vostro cuore? Guardate le mie mani e i miei piedi: sono proprio io! Toccatemi e guardate; un fantasma non ha carne e ossa, come vedete che io ho».Dicendo questo, mostrò loro le mani e i piedi. Ma poiché per la gioia non credevano ancora ed erano pieni di stupore, disse: «Avete qui qualche cosa da mangiare?». Gli offrirono una porzione di pesce arrostito; egli lo prese e lo mangiò davanti a loro.

Poi disse: «Sono queste le parole che io vi dissi quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella legge di Mosè, nei Profeti e nei Salmi». Allora aprì loro la mente per comprendere le Scritture e disse loro: «Così sta scritto: il Cristo patirà e risorgerà dai morti il terzo giorno, e nel suo nome saranno predicati a tutti i popoli la conversione e il perdono dei peccati, cominciando da Gerusalemme. Di questo voi siete testimoni.

 

COMMENTO

Mentre essi parlavano di queste cose…

 

Non è facile credere a due discepoli che raccontano fatti strani attorno ad un personaggio incontrato per caso lungo il sentiero che da Gerusalemme porta a Emmaus. E si può immaginare il calore che metteva il resto della comunità nel commentare quelle notizie, che sembravano travolgenti, su una eventuale resurrezione del Maestro.

Il dubbio e l’incertezza si sovrapponevano a momenti di speranza; l’incredulità e la concretezza si confondevano con l’illusione e il sogno coltivati insieme gelosamente dalle menti che non volevano arrendersi alla tragicità della morte del Signore.

Quella era la “Chiesa nascente”, la Chiesa che non conosceva la superbia di chi ritiene di possedere la verità; era una Chiesa  non saccente nei confronti di chi si dimostrava vivo, pur navigando nell’ignoranza.

La Chiesa di oggi idealmente è ancora un cenacolo, dove si raccolgono i capi e i sottocapi, i discepoli privilegiati e i fedeli da strapazzo, gli increduli testardi e i fanatici illusi, i tradizionalisti ammuffiti e gli innovatori impuri. La Chiesa di oggi rivive, forse, all’interno della sua struttura la stessa confusione e lo stesso senso di smarrimento che aleggiò un tempo tra i discepoli, considerati dalla storia di allora come rimasugli di un’esperienza vissuta all’ombra del Maestro.

Nella Chiesa di oggi, purtroppo, vedo prevalere tra i capi e i sottocapi la paura di  confondersi e sporcarsi con i problemi della gente, come se questi dovessero assorbire il meglio delle loro risorse, senza poter assicurare l’unicità e l’esclusività delle risposte che abitualmente danno.

Nella Chiesa di oggi si ha la paura di accennare a certi aspetti della vita familiare e affettiva che costituiscono ormai delle realtà inderogabili e si continua a sventagliare assiomi su problematiche astratte, senza mostrare il coraggio di parlare a persone concrete.

 

'Avete qui qualche cosa da mangiare?'.

 

Ecco la concretezza cui si faceva riferimento: Gesù, reso trasparente e vago dalla resurrezione, riprende un corpo per poter comunicare e mangiare con gli amici.

Una chiesa troppo “risorta” nelle prediche, troppo “evanescente” nella condotta, troppo “astratta” negli insegnamenti, perde occasioni preziose di contatto reale con gli uomini e nega a se stessa e agli altri la possibilità di spezzare il pane in una condivisione sincera e paritaria.

Le ostie che si conservano nelle pissidi dorate e che nel mistero sono piene della divinità e umanità di Cristo, risultano vuote, se attorno al sacramento non prendono vita i segni concreti che della comunità fanno una Chiesa.

A chi giova e a cosa serve un’Eucarestia che si fa forte  dello Spirito Santo per essere efficace, se a distribuirne la Grazia sono solo dei “cembali sonanti”, dei tralci secchi da bruciare?

 













Note Legali


Velletri Life - www.velletrilife.com

Testata giornalistica registrata con autorizzazione del Tribunale di Velletri n°13/2013 in data 11-09-2013.

Aggiornamenti quotidiani in tempo reale.
Service Provider: Aruba

Per inviare comunicati e segnalazioni:
redazionevelletrilife@gmail.com

Facebook: Velletri Life Giornale

Twitter: VelletriLife

Il sito si avvale unicamente di cookies tecnici



CONTATTI: Redazione Velletri Life


Direttore e Proprietario:
Dott. Rocco Della Corte


Orari di apertura della Redazione (su appuntamento)
Sede: Via IV Novembre, 11 - 00049 Velletri (RM)

Dal Lunedì al Venerdì: 9,30-13,00
Sabato e Domenica: Chiuso.
Redazione web sempre operativa


VelletriLife  
 
VelletriLife

Modalità di pubblicazione


Le collaborazioni con il Giornale sono da considerarsi del tutto gratuite e volontarie, salvo diverso accordo scritto con la Redazione. Tutti i collaboratori non hanno pertanto introiti e svolgono questo lavoro per sola passione. I materiali spediti in Redazione via email (articoli, immagini, interviste, etc) non verranno in nessun caso restituiti.
La Redazione si riserva di pubblicare o meno i contenuti ricevuti a proprio insindacabile giudizio. Per la riproduzione o la citazione di articoli, immagini e/o contenuti è gradita una richiesta specifica via email. Talvolta vengono utilizzate immagini di repertorio tratte dal web: controlliamo scrupolosamente la fonte, ma qualora doveste ravvisare la presenza di immagini di vostra proprietà qui pubblicate inviateci una email e provvederemo a rimuoverle immediatamente.