Sostieni l'editoria indipendente, fai una donazione volontaria a Velletri Life
IBAN: IT40H0760114800001030033649

intestato a Rocco Della Corte

15/05/2021 "Versetti che fanno discutere": il Vangelo di don Gaetano Zaralli    |     15/05/2021 “Salviamo il pianeta”: alla scoperta del libro della giovanissima Lisa Caponera di “Fontana delle Rose”    |     15/05/2021 "Sicurezza Informatica e Crimini Informatici"     |     15/05/2021 Il rispetto del limite di velocità non salva l’automobilista dalla condanna per omicidio colposo    |     15/05/2021 David di Donatello per “Mi chiamo Francesco Totti”, la gioia dell’attore veliterno Massimo Annibali    |     14/05/2021 “Cittadinanza e Dialogo” al Liceo Scientifico "Landi"    |     14/05/2021 "Senza Respiro - Un anno di Covid-19", Il ringraziamento della Asl Roma 6 ai suoi operatori    |     14/05/2021 Vittorio Sgarbi alla Biennale Internazionale di Nemi dal 23 maggio al 27 giugno 2021    |     14/05/2021 Riapre la Biblioteca Fondo Antico, si accede con prenotazione     |     14/05/2021 Maggio dei libri 2021: presentazione del libro “Donne” di Alessia Mattacchioni    |    
 

CULTURA

martedì 4 maggio 2021




























FESTA DELLA LIBERAZIONE

Il 25 aprile secondo i ragazzi della scuola primaria di Casale





Ore 8:00, 25 aprile 1945: i cittadini del Nord Italia sono esortati a scioperare da Sandro Pertini, capo del CLNAI e futuro presidente della Repubblica. L’esortazione è accolta dagli italiani che si ritrovano nelle piazze insieme ai partigiani, grazie ai quali inizia la Liberazione, la fine dell’occupazione nazista e della dittatura fascista. Partigiane e partigiani che hanno scelto di resistere e combattere per rendere il nostro Paese libero e per avere l’Italia che abbiamo oggi. Settantasei anni dopo, noi, alunni della 5B della scuola di Casale, festeggiamo la giornata della Liberazione ascoltando le parole della maestra Antonietta Lucchetti, membro dell’associazione “Memoria 900”, la quale ci ha raccontato la Resistenza di Velletri, una città simbolo per gli interventi notevoli dei suoi partigiani. La maestra ha presentato le storie di tre partigiani: Vincenzo Abbafati, Oreste Castagna e Giuliano Aureli. Leone, nome di battaglia di Vincenzo Abbafati: la sua storia arriva fino a noi grazie alla lettera della staffetta Lina Antonietti che informava la famiglia della morte di Vincenzo, in uno dei suoi combattimenti a Rassa, dove si trovava per dare il suo contributo alla Resistenza. Un’altra storia coraggiosa è quella di Oreste Castagna che in Jugoslavia combatte contro i tedeschi e perde una mano a causa di una bomba. Ma ciò non lo ferma e combatte fino a perdere i sensi. Viene curato in un ospedale partigiano e si salva. Anni dopo, Oreste riceve la medaglia d’oro al valore militare. Giuliano Aureli non combatte in prima linea. È solo un ragazzino, ma fa la staffetta per portare messaggi e notizie ai partigiani. Giuliano passa la sua vita raccontando agli studenti la sua storia e comincia ogni suo discorso con la frase di Antonio Gramsci: “ Istruitevi, perché avremo bisogno della vostra intelligenza. Agitatevi, perché avremo bisogno di tutto il vostro entusiasmo. Organizzatevi, perché avremo bisogno di tutta la vostra forza.” Le parole di Giuliano ci hanno portato a riflettere sull’importanza di istruirci per conoscere la storia accaduta e per fare in modo che non si ripeta più. Dobbiamo partecipare con entusiasmo a ciò che succede intorno a noi per contrastare le ingiustizie che ancora oggi accadono. Dobbiamo studiare ed informarci per non farci togliere la libertà che ci hanno dato le partigiane e i partigiani . Ci sono ancora tante persone nel mondo che cercano il loro 25 aprile a causa delle tante guerre. L’impegno partigiano ci spinge a non restare indifferenti di fronte alle tante persone che nel mondo cercano la loro Liberazione, fuggendo dalle loro terre e molte di loro non riescono a trovarla. Tutti dovrebbero avere la libertà, ma perché questo possa accadere, dobbiamo pretendere la giustizia sociale, altrimenti la libertà è una conquista fragile, come affermava Sandro Pertini.













Note Legali


Velletri Life - www.velletrilife.com

Testata giornalistica registrata con autorizzazione del Tribunale di Velletri n°13/2013 in data 11-09-2013.

Aggiornamenti quotidiani in tempo reale.
Service Provider: Aruba

Per inviare comunicati e segnalazioni:
redazionevelletrilife@gmail.com

Facebook: Velletri Life Giornale

Twitter: VelletriLife

Il sito si avvale unicamente di cookies tecnici



CONTATTI: Redazione Velletri Life


Direttore e Proprietario:
Dott. Rocco Della Corte


Orari di apertura della Redazione (su appuntamento)
Sede: Via IV Novembre, 11 - 00049 Velletri (RM)

Dal Lunedì al Venerdì: 9,30-13,00
Sabato e Domenica: Chiuso.
Redazione web sempre operativa


VelletriLife  
 
VelletriLife

Modalità di pubblicazione


Le collaborazioni con il Giornale sono da considerarsi del tutto gratuite e volontarie, salvo diverso accordo scritto con la Redazione. Tutti i collaboratori non hanno pertanto introiti e svolgono questo lavoro per sola passione. I materiali spediti in Redazione via email (articoli, immagini, interviste, etc) non verranno in nessun caso restituiti.
La Redazione si riserva di pubblicare o meno i contenuti ricevuti a proprio insindacabile giudizio. Per la riproduzione o la citazione di articoli, immagini e/o contenuti è gradita una richiesta specifica via email. Talvolta vengono utilizzate immagini di repertorio tratte dal web: controlliamo scrupolosamente la fonte, ma qualora doveste ravvisare la presenza di immagini di vostra proprietà qui pubblicate inviateci una email e provvederemo a rimuoverle immediatamente.