Sostieni l'editoria indipendente, fai una donazione volontaria a Velletri Life
IBAN: IT40H0760114800001030033649

intestato a Rocco Della Corte

11/06/2021 Ospedale di Velletri, ecco la determina: l'importo per il rilancio è di € 27.028.000    |     11/06/2021 A Velletri inaugurato il "Giardino Segreto"    |     11/06/2021 Alta velocità, link e corse: le proposte di Trenitalia per l'estate in Lazio    |     11/06/2021 "Magdalena": il Vangelo di don Gaetano Zaralli    |     11/06/2021 "I cinque sensi nel bosco": attività per ragazzi sul Monte Artemisio a Velletri    |     11/06/2021 Giovanni Scifoni alla Mondadori di Frascati firma le copie di "Senza offendere nessuno"    |     10/06/2021 Designati i vincitori del Premio Velletri Libris 2021    |     10/06/2021 Se l’autovelox non è omologata niente multa per superamento dei limiti di velocità    |     10/06/2021 "Andar per orti, vigne e giardini": con l'Ecomuseo della Terra Amena un week end da sogno a Velletri    |     10/06/2021 Fausto Servadio sull'Ospedale: "In passato progetti rimasti sogni, i cittadini di Velletri meritano risposte"    |    

SPORT

venerdì 4 giugno 2021





CALCIO DI PROVINCIA

La Velletri calcistica guarda con "invidia" al borgo di Monterosi: 4000 abitanti e Serie C






Domenica scorsa è stata una giornata storica per lo splendido e suggestivo borgo di Monterosi, poco più di 4500 abitanti in provincia di Viterbo. Che la Tuscia sia piena di sorprese (e spesso meta di viaggi mordi e fuggi anche da parte di tanti veliterni) è cosa nota, ma vedere un paesino che fino a qualche anno fa navigava in Eccellenza e Promozione scontrandosi sovente con la Vjs Velletri approdare in Serie C è davvero tanta roba.

 

Merito di una grande squadra, guidata peraltro dal capitano Andrea Costantini, forte giocatore di Giulianello e con trascorsi in maglia rossonera sponda Vjs. Il 2-0 rifilato al Latina ha consentito alla squadra di David D'Antoni, ex calciatore professionista che ha militato peraltro in Empoli, Salernitana, Venezia e Ternana ed è viterbese di nascita, di staccare i pontini di quasi 20 punti. Vantaggio incolmabile e promozione raggiunta con 4 giornate di anticipo.

 

Il ricordo è andato subito a quelle partite di Eccellenza disputate, non più di dieci anni fa, tra il Monterosi e la Vjs Velletri sia al 'Martone' che allo 'Scavo'. E stavolta il paragone nostalgico tra il calcio veliterno e altre realtà non si è limitato a Sassuolo, Empoli, Cittadella e Chievo ma è nato spontaneo proprio con un borgo di 4000 anime che oggi taglia un traguardo, quello dei professionisti, mai visto a Velletri.

 

Le motivazioni vanno ricercate in tante piccole costanti che seppur insignificanti dal punto di vista singolo diventano decisive in una visione d'insieme. In primo luogo la pianificazione a lungo termine e la tendenza al proclamo: spesso ci si spende in annunci faraonici a cui poi non segue la costanza, anche quella del 'reggere botta' di fronte agli imprevisti dello sport. Il Monza in B, ad esempio, ha insegnato che non sempre i milioni e le figurine significano raggiungimento degli obiettivi. A Velletri dove non ci sono nè i milioni nè le figurine questa legge è ancor più valida.

 

Un altro motivo per cui Velletri non decolla è la divisione, pregna di provincialismo, che impera tra le varie rispettabili realtà: ognuna, come ogni organizzazione associativa, ha ciò che funziona meglio e ciò che funziona peggio, ma è sempre mancata (non a parole, ma nei fatti) l'effettiva volontà di mettersi in dubbio e di decidere di farsi da parte se può andare avanti il progetto piuttosto che la persona.

 

La questione impianti, invece, lascia il tempo che trova. Lo 'Scavo' è uno stadio a tutti gli effetti, non un campo, e a parte l'assenza di parcheggi con una ristrutturazione graduale può ospitare partite anche di livello superiore ai prof. Quello che manca, invece, è un campo di allenamento che possa reggere il gran numero di atleti di tutte le società sportive.

 

Altre due componenti che costituiranno sempre un freno inamovibile per vedere Velletri almeno ai livelli di Monterosi, se non si vuole emulare il Cittadella. Primo è il calore della piazza: i cittadini di Velletri sono giustamente stufi di assistere a partite con i borghi di Latina (con tutto il rispetto) e preferiscono andare all'Olimpico a guardare la Lazio e la Roma, oppure sedere comodamente a casa sul divano accendendo Sky. Non è una questione di disamore, ma anche i nostalgici devono capire che i tempi sono cambiati: prima non c'erano le televisioni, la squadra di calcio era una sola e il campo sportivo significava aggregazione. La realtà oggi dice altro ed è inutile sognare 2000 spettatori anche in una Promozione a vincere. Può succedere una volta, ma campare sui ricordi è anacronistico e impossibile.

 

In ultimo, mancano gli investimenti. Oggi nel calcio non ci rimette più nessuno. A parte Berlusconi e Galliani che si possono permettere il lusso di andare in passivo di 26 milioni facendo il terzo posto in Serie B con Boateng e Balotelli, neanche gli imprenditori miliardari sprecano e sparpagliano: si guardi Lotito alla Lazio, Zhang all'Inter, De Laurentis a Napoli. In una situazione dove ci sono il 90% dei circuiti economici e commerciali in meno rispetto ai professionisti, si deve economizzare. Però una gestione che punti a vincere deve garantire ossigeno alle organizzazioni societarie (anzi, associative) coprendo quelle spese fisse che fanno la differenza: assicurazioni, tesseramenti, materiali sportivi, trasferte, collaboratori e rimborsi. I soldi non faranno la felicità, ma fanno la differenza. Quando Lotito disse a Salerno che era più difficile vincere la Serie D che le altre categorie fu spernacchiato. Invece aveva ragione: nei dilettanti la Salernitana composta da giocatori di Serie B fu promossa solo all'ultima giornata vincendo il duello con il Marino. In Serie C2 e C1, invece, i granata hanno vinto a mani basse i campionati. Questo per dire che arrivare nei professionisti è complesso perchè servono basi solide. Quelle che a Velletri, al netto dei proclami e delle buone intenzioni, finora non si sono ancora viste.

 

E tutti speriamo di essere smentiti e poter acquistare, in prevendita, un ticket di 20 euro per i 'Distinti inferiori' dello Stadio 'Scavo' di una sospirata e attesa gara tra il Velletri e il Monterosi in un non lontano campionato di Serie C. 

















































Note Legali


Velletri Life - www.velletrilife.com

Testata giornalistica registrata con autorizzazione del Tribunale di Velletri n°13/2013 in data 11-09-2013.

Aggiornamenti quotidiani in tempo reale.
Service Provider: Aruba

Per inviare comunicati e segnalazioni:
redazionevelletrilife@gmail.com

VelletriLife
VelletriLife

Il sito si avvale unicamente di cookies tecnici




CONTATTI: Redazione Velletri Life


Proprietario e Direttore Editoriale: Dott. Rocco Della Corte
In redazione: Giuseppe Mommo, Pier Luigi Starace, Antonio Della Corte.

Orari di apertura della Redazione (su appuntamento)
Sede: Via IV Novembre, 11 - 00049 Velletri (RM)

Dal Lunedì al Venerdì: 9,30-13,00
Sabato e Domenica: Chiuso.
Redazione web sempre operativa

Note legali e pubblicità
Publiredazionale
Vendita spazi pubblicitari

Info pubblicità: marketing@velletrilife.com

Modalità di pubblicazione


Le collaborazioni con il Giornale sono da considerarsi del tutto gratuite e volontarie, salvo diverso accordo scritto con la Redazione. Tutti i collaboratori non hanno pertanto introiti e svolgono questo lavoro per sola passione. I materiali spediti in Redazione via email (articoli, immagini, interviste, etc) non verranno in nessun caso restituiti.
La Redazione si riserva di pubblicare o meno i contenuti ricevuti a proprio insindacabile giudizio. Per la riproduzione o la citazione di articoli, immagini e/o contenuti è gradita una richiesta specifica via email. Talvolta vengono utilizzate immagini di repertorio tratte dal web: controlliamo scrupolosamente la fonte, ma qualora doveste ravvisare la presenza di immagini di vostra proprietà qui pubblicate inviateci una email e provvederemo a rimuoverle immediatamente.