Sostieni l'editoria indipendente, fai una donazione volontaria a Velletri Life
IBAN: IT40H0760114800001030033649

intestato a Rocco Della Corte

11/06/2021 Ospedale di Velletri, ecco la determina: l'importo per il rilancio è di € 27.028.000    |     11/06/2021 A Velletri inaugurato il "Giardino Segreto"    |     11/06/2021 Alta velocità, link e corse: le proposte di Trenitalia per l'estate in Lazio    |     11/06/2021 "Magdalena": il Vangelo di don Gaetano Zaralli    |     11/06/2021 "I cinque sensi nel bosco": attività per ragazzi sul Monte Artemisio a Velletri    |     11/06/2021 Giovanni Scifoni alla Mondadori di Frascati firma le copie di "Senza offendere nessuno"    |     10/06/2021 Designati i vincitori del Premio Velletri Libris 2021    |     10/06/2021 Se l’autovelox non è omologata niente multa per superamento dei limiti di velocità    |     10/06/2021 "Andar per orti, vigne e giardini": con l'Ecomuseo della Terra Amena un week end da sogno a Velletri    |     10/06/2021 Fausto Servadio sull'Ospedale: "In passato progetti rimasti sogni, i cittadini di Velletri meritano risposte"    |    

INTERVISTE

venerdì 4 giugno 2021





TEATRO DI PAGLIA

Viaggio tra Sepulveda e Battiato: “La gabbianella e il gatto” sabato sera al Teatro di Paglia






La gabbianella e il gatto, due esseri speciali. E lui, nel caso specifico, ebbe cura di lei. Zorba, Kengah, Franco Battiato: atmosfere sognanti che nella cornice del Teatro di Paglia si sublimeranno. Sabato 5 giugno, in quel di Nemi, gli attori Manuela Mandracchia e Fabio Cocifoglia e i musicisti Daniela Di Renzo ed Emiliano Begni racconteranno Sepulveda con le canzoni di Battiato in un racconto/concerto che segna l’apertura virtuale dell’estate alla vigilia dello spostamento del coprifuoco. Un segnale di rinascita con una storia di vita. Abbiamo chiesto ai quattro artisti di rispondere ad una intervista sospesa.

 

Daniela Di Renzo, la gabbianella e il gatto sono in sinergia ed empatia proprio come devono essere in sinergia e in empatia due persone che suonano insieme?

Empatia e sinergia sono due elementi che contribuiscono sempre alla buona riuscita dell’incontro o di una relazione. Il parallelismo che fai pone però una riflessione più sottile e profonda. Nel racconto, il gatto svolge una funzione protettiva, si pone come colui che accompagna e stimola l’emancipazione della piccola gabbiana. L’incontro musicale, invece, si caratterizza per essere il contenitore in cui ognuno porta qualcosa e al tempo stesso prende dall’altro, è un incontro paritario, direi più sinergico che empatico. Quando questo non avviene, quando ci si pone su piani differenti, la magia della musica ne risente, così come l’elemento umano. Se volessimo accostare le due esperienze relazionali utilizzando un’immagine metaforica, potremmo dire che la forza scaturita dall’amore tra Zorba e Fortunata è la stessa che si sprigiona nell’esecuzione musicale quando due musicisti si sentono in piena sinergia tra loro. L'amore è magia alla stessa stregua della musica.

 

Emiliano Begni, la “storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare” è una storia di vita?

Per me è assolutamente una storia di vita, non c'è dubbio. Le lacrime che sgorgano ininterrotte a ogni prova ne sono la chiara testimonianza. Si toccano i temi più profondi attraverso la fiaba che però è travestita da realtà: non sono immaginari infatti i personaggi narrati, umani, felini o volatili che siano. Sono reali e realistici, tanto che la loro capacità di comunicare fra loro non ci stupisce poi più di tanto. Ognuno di noi avrà tentato di dare una voce al proprio cane o al proprio gatto, notando la loro innata capacità sensitiva. Ecco: la chiave è proprio lì, nell'empatia, nell'istinto di sopravvivenza e nella cura, tutte doti comuni al regno animale e quindi anche all'uomo.

 

Fabio Cocifoglia, essere responsabili vuol dire prendersi cura dei più deboli?

Sì, significa come Zorba prendersi cura dei più deboli e andare avanti insieme perché quei cento metri percorsi insieme sono meglio di chilometri percorsi da soli. Però come Zorba bisogna fare i conti con i propri limiti e prenderci cura anche della nostra parte debole. Viva Zorba e viva il prendersi cura!

 

Manuela Mandracchia, le piacerebbe assistere ad una chiacchierata a microfoni spenti tra Luis (Sepulveda) e Franco (Battiato)?

Sarebbe magnifico poter assistere ad un dialogo tra Sepulveda e Battiato, lo immagino come l’incontro che abbiamo immaginato per il nostro spettacolo tra le parole di Sepulveda e le canzoni di Battiato. Un dialogo tra due filosofi, due pensatori, due spiriti liberi che comprendevano profondamente l’essere umano e l’esistenza e tutti e due legati agli animali. Da varie interviste di Battiato si evince il suo rapporto con gli animali e la profondità e il rispetto verso di loro è lo stesso che emerge dalle storie di Sepulveda che raccontano questo, quanta umanità c’è nei suoi animali!

 








































Note Legali


Velletri Life - www.velletrilife.com

Testata giornalistica registrata con autorizzazione del Tribunale di Velletri n°13/2013 in data 11-09-2013.

Aggiornamenti quotidiani in tempo reale.
Service Provider: Aruba

Per inviare comunicati e segnalazioni:
redazionevelletrilife@gmail.com

VelletriLife
VelletriLife

Il sito si avvale unicamente di cookies tecnici




CONTATTI: Redazione Velletri Life


Proprietario e Direttore Editoriale: Dott. Rocco Della Corte
In redazione: Giuseppe Mommo, Pier Luigi Starace, Antonio Della Corte.

Orari di apertura della Redazione (su appuntamento)
Sede: Via IV Novembre, 11 - 00049 Velletri (RM)

Dal Lunedì al Venerdì: 9,30-13,00
Sabato e Domenica: Chiuso.
Redazione web sempre operativa

Note legali e pubblicità
Publiredazionale
Vendita spazi pubblicitari

Info pubblicità: marketing@velletrilife.com

Modalità di pubblicazione


Le collaborazioni con il Giornale sono da considerarsi del tutto gratuite e volontarie, salvo diverso accordo scritto con la Redazione. Tutti i collaboratori non hanno pertanto introiti e svolgono questo lavoro per sola passione. I materiali spediti in Redazione via email (articoli, immagini, interviste, etc) non verranno in nessun caso restituiti.
La Redazione si riserva di pubblicare o meno i contenuti ricevuti a proprio insindacabile giudizio. Per la riproduzione o la citazione di articoli, immagini e/o contenuti è gradita una richiesta specifica via email. Talvolta vengono utilizzate immagini di repertorio tratte dal web: controlliamo scrupolosamente la fonte, ma qualora doveste ravvisare la presenza di immagini di vostra proprietà qui pubblicate inviateci una email e provvederemo a rimuoverle immediatamente.