fai una donazione a Velletri Life
IBAN: IT40H0760114800001030033649

intestato a Rocco Della Corte

01/08/2021 Luca Manfredi, un friccico ner core e la semplicità di Nino al “Parco dei libri” di Genzano    |     01/08/2021 Sebastiano Somma tra Santiago ed Hemingway: al Chiostro di Velletri applausi per “Il vecchio e il mare”    |     30/07/2021 Trofeo Luigi Fagioli di Gubbio: tutto pronto, anche i piloti DrcSportManagement di Velletri    |     30/07/2021 "Il prete senza scia": il Vangelo di don Gaetano Zaralli    |     30/07/2021 Le quote condominiali sono dovute anche se l’appartamento rimane inutilizzato?    |     30/07/2021 Enrico Ianniello e la storia di Alfredino Rampi a "Velletri Libris"    |     30/07/2021 Addio a Patrizia Gatti: aveva 63 anni. Il cordoglio di tutta Velletri    |     29/07/2021 Costantino D’Orazio e le donne nell’arte e nella storia: presentato ad Ariccia “Vite d’artiste eccellenti”    |     29/07/2021 A Genzano aspettando "Rock per un bambino" a Parco Sforza    |     29/07/2021 “Scritti dal territorio”, una rassegna letteraria a Lariano: due giorni di eventi in Piazza Sant’Eurosia    |    

CULTURA

venerdì 16 luglio 2021





AL CHIOSTRO

Luca Palamara spiega “Il sistema” a “Velletri Libris”: “C’è sete di giustizia e voglia di sapere”






Serata all’insegna di tematiche scottanti come potere e politica a “Velletri Libris”. Ospite della rassegna internazionale di letteratura organizzata da Mondadori Bookstore Velletri-Lariano-Genzano-Frascati e Fondazione De Cultura è stato Luca Palamara, ex magistrato e autore insieme ad Alessandro Sallusti del libro-inchiesta “Il sistema” edito da Rizzoli.

 

Dopo la consueta anteprima curata da Massimo Morassut per i percorsi enogastronomici e da Umberto Savo e Silvia Ciriaci per le “Pillole di storia del territorio”, l’autore è salito sul palco del Chiostro insieme al giornalista Sky Roberto Palladino. In collegamento streaming, invece, il direttore di “Libero” Alessandro Sallusti, impossibilitato a presenziare per un imprevisto.

 

Palamara ha descritto con certosina descrizione la sua versione dei fatti, affermando che si è sentito in coscienza di scrivere quest’opera per dovere morale verso tutti i magistrati che non c’entrano niente. “Un mondo che ha le sue regole”, ha detto Palladino introducendo il discorso. Fra gli aspetti più interessanti e controversi c’è una particolare regola, ben spiegata da Palamara: “la regola del tre è uno a me, uno a te e uno a lui, detta in maniera brutale e sostanziale. In un contesto al cui interno si decide di organizzarsi in gruppo, questa regola è la replica di quello che in politica chiamano Cencelli e un po’ caratterizza senza ipocrisia il mondo italico e il nostro Paese. Per trovare un equilibrio bisogna mediare, per mediare bisogna saper accontentare e coinvolgere nelle scelte i rappresentanti dei vari gruppi associativi”. Secondo l’autore è fondamentale trovare una linea di confine fra la politica e la magistratura: “una materia sensibile come l’immigrazione rischia di influenzare le opinioni politiche di chi deve svolgere determinate azioni, mentre il sistema suggerisce di andare avanti a prescindere”.

 

Berlusconi in primis, De Magistris, Forleo: tanti i nomi che hanno provocato scandali e casi giudiziari, ma per Palamara c’è stata una visione parziale dei fenomeni: “in alcuni casi siamo stati puri, in altri molto meno, forse perché c’è chi ha toccato qualcosa che non andava toccato? Tutto è andato bene fino a quando è resistito un equilibrio”. Nel libro “Il sistema” non c’è scritta la totalità dei pensieri dell’autore: “sarebbe stata un’enciclopedia. L’auspicio, però, è di ampliare in un prossimo futuro perché nessuno immaginava questa attenzione. C’è voglia di sapere da parte dei cittadini e sete di giustizia”. Nel suo saluto in streaming, il direttore di “Libero” e giornalista Alessandro Sallusti ha detto la sua in merito ai doveri degli organi d’informazione: “la stampa dovrebbe fare un’operazione verità come quella del dottor Palamara. Finché non si farà questa cosa, noi stampa saremo sempre complici. Ci indigniamo e ci indigniamo ma poi ai lettori rischiamo di raccontare un mucchio di balle”.

 

Per “Velletri Libris” altra serata che ha fatto registrare tutti i posti disponibili esauriti. Il prossimo appuntamento è per mercoledì 21 luglio, alle ore 21.00, con Stefania Auci che ha scritto un nuovo entusiasmante capitolo della saga dei Florio. L’ingresso è libero ma è necessario prenotare tramite il sito velletrilibris.it o telefonando alla Mondadori di Velletri.








































Note Legali


Velletri Life - www.velletrilife.com

Testata giornalistica registrata con autorizzazione del Tribunale di Velletri n°13/2013 in data 11-09-2013.

Aggiornamenti quotidiani in tempo reale.
Service Provider: Aruba

Per inviare comunicati e segnalazioni:
redazionevelletrilife@gmail.com

VelletriLife
VelletriLife

Il sito si avvale unicamente di cookies tecnici




CONTATTI: Redazione Velletri Life


Proprietario e Direttore Editoriale: Dott. Rocco Della Corte
In redazione: Giuseppe Mommo, Pier Luigi Starace, Antonio Della Corte.

Orari di apertura della Redazione (su appuntamento)
Sede: Via IV Novembre, 11 - 00049 Velletri (RM)

Dal Lunedì al Venerdì: 9,30-13,00
Sabato e Domenica: Chiuso.
Redazione web sempre operativa

Note legali e pubblicità
Publiredazionale
Vendita spazi pubblicitari

Info pubblicità: marketing@velletrilife.com

Modalità di pubblicazione


Le collaborazioni con il Giornale sono da considerarsi del tutto gratuite e volontarie, salvo diverso accordo scritto con la Redazione. Tutti i collaboratori non hanno pertanto introiti e svolgono questo lavoro per sola passione. I materiali spediti in Redazione via email (articoli, immagini, interviste, etc) non verranno in nessun caso restituiti.
La Redazione si riserva di pubblicare o meno i contenuti ricevuti a proprio insindacabile giudizio. Per la riproduzione o la citazione di articoli, immagini e/o contenuti è gradita una richiesta specifica via email. Talvolta vengono utilizzate immagini di repertorio tratte dal web: controlliamo scrupolosamente la fonte, ma qualora doveste ravvisare la presenza di immagini di vostra proprietà qui pubblicate inviateci una email e provvederemo a rimuoverle immediatamente.