SPORT
28/10/2020


Sport, Cipriano all'attacco: "Amministrazione muta, cieca e sorda. Vergognoso"


Non nasconde nè l'amarezza nè la rabbia, Antonello Cipriano, presidente della Consulta per lo Sport.  La sua posizione è ormai in rotta di collisione aperta nei confronti dell'Amministrazione Comunale e in particolar modo verso l'Assessore Priori. L'ex calciatore veliterno, da qualche mese alla guida della consulta di associazioni sportive, è sceso in piazza del Comune per una pubblica assemblea insieme a dirigenti e presidenti di varie realtà che denunciano una scarsa attenzione da parte degli organi governativi veliterni in relazione alle loro esigenze. 'Ci siamo ritrovati con molte società sulla scalinata del Comune', ha detto il presidente, 'per una assemblea che ha messo in luce le problematiche dello sport. Molte cose negative sono sorte recentemente grazie, e lo dico in senso negativo, all'amministrazione. L'incontro è stato produttivo, diversi politici di maggioranza e opposizione hanno sostenuto i diritti dei nostri ragazzi. Al contrario di quello che si vede in modo palese, noi curiamo gli spazi e i diritti di tutti pianificando allo stesso modo e nel modo migliore possibile le cose. Non ci sono figli e figliastri', ha tuonato Cipriano, 'sono tutti figli di Velletri e hanno diritto di praticare le loro attività indipendentemente dalle loro scelte in modo sano, corretto e con disponibilità dell'amministrazione'.

 

Il presidente della Consulta non ha lesinato critiche all'amministrazione, accusandola di non tenere in considerazione le realtà sportive: 'Lo sport è prevenzione, educazione, socialità, abbattimento delle barriere, integrazione: se fatto bene, è il toccasana che occorre alla società di oggi per aiutare i giovani e la salute. I vari interventi di presidenti e politici sono serviti a commentare quello che è successo, tutti hanno decisamente appoggiato le nostre istanze. Non si capisce perchè l'Amministrazione sia muta, sorda e cieca. E' una situazione vergognosa per la nostra città e mi auguro che cambi la musica, io personalmente credo che avere rapporti con certe persone sia impossibile dopo che siamo stati calpestati e ignorati continuamente nonostante decine di richieste di incontro. Se ci fosse un cambiamento di rotta, non so se ci crederei'.

 

Una stoccata precisa, poi, Cipriano l'ha riservata a Pocci: 'Il Sindaco deve cambiare le misure in quanto responsabile di tutto ciò che è il governo della città e anche dell'Assessorato allo Sport. Noi vogliamo fare sport, dei giochi politici non ci interessa nulla. Vogliamo solo siano rispettati i diritti dei nostri ragazzi, qui nessuno si mette in tasca una lira. L'attività sportiva di oggi è sostenuta da famiglie e volontariato, un impianto pubblico deve essere per tutti nei limiti giusti di proporzioni, meriti sportivi e quant'altro. Bisogna lavorare per avere altri impianti e altri spazi, penso all'hockey che ha un piccola palestra o alla ginnastica artistica, come la Velitrae, che è una delle società più antiche d'Italia e occupa uno spazio importante in una palestrina scolastica mentre ne dovrebbe avere una dedicata. Qui i programmi non esistono, esiste solo il rattoppo'.






















Note Legali


Velletri Life - www.velletrilife.com

Testata giornalistica registrata con autorizzazione del Tribunale di Velletri n°13/2013 in data 11-09-2013.

Aggiornamenti quotidiani in tempo reale.
Service Provider: Aruba

Per inviare comunicati e segnalazioni:
redazionevelletrilife@gmail.com

Facebook: Velletri Life Giornale

Twitter: VelletriLife

Il sito si avvale unicamente di cookies tecnici


VelletriLife     VelletriLife

CONTATTI: Redazione Velletri Life


Direttore e Proprietario:
Dott. Rocco Della Corte


Orari di apertura della Redazione (su appuntamento)
Sede: Via IV Novembre, 11 - 00049 Velletri (RM)

Dal Lunedì al Venerdì: 9,30-13,00
Sabato e Domenica: Chiuso.
Redazione web sempre operativa

Modalità di pubblicazione


Le collaborazioni con il Giornale sono da considerarsi del tutto gratuite e volontarie, salvo diverso accordo scritto con la Redazione. Tutti i collaboratori non hanno pertanto introiti e svolgono questo lavoro per sola passione. I materiali spediti in Redazione via email (articoli, immagini, interviste, etc) non verranno in nessun caso restituiti. La Redazione si riserva di pubblicare o meno i contenuti ricevuti a proprio insindacabile giudizio. Per la riproduzione o la citazione di articoli, immagini e/o contenuti è gradita una richiesta specifica via email. Talvolta vengono utilizzate immagini di repertorio tratte dal web: controlliamo scrupolosamente la fonte, ma qualora doveste ravvisare la presenza di immagini di vostra proprietà qui pubblicate inviateci una email e provvederemo a rimuoverle immediatamente.