Sostieni l'editoria indipendente,
fai una donazione volontaria a Velletri Life
IBAN: IT40H0760114800001030033649

intestato a Rocco Della Corte











MONDO
29/12/2020

"Ora vediamo quando muori": insulti all'infermiera Claudia. Andrà tutto bene, ne usciremo migliori?

di Rocco Della Corte
altri articoli dello stesso autore


Aveva ragione Francesco Guccini, e non perchè ha dato l'ennesimo messaggio profetico tramite una sua canzone. 'Non ne usciremo migliori', diceva il Maestro all'alba dei suoi ottanta anni in piena pandemia.   'Anzi, ne usciremo peggiori', dichiarava attirandosi le ire di chi lo definiva catastrofista, radical chic, pessimista. Intanto la pandemia proseguiva, con restrizioni, problemi, risvolti economici, sociali e psicologici mai visti e nessuno tra tutti quelli che hanno in tasca la soluzione a proporla. Il 27 dicembre, intanto, l'infermiera 29enne Claudia Alivernini diventava la prima vaccinata contro il covid-19 in Italia. Una foto storica, la sua, col sorriso che emerge dietro la mascherina e un messaggio di speranza verso la normalità. Eppure, a poche ore dalla vaccinazione, sono iniziati i profili fake sui social, i commenti di chi sa tutto e di chi nega tutto, fino al migliore di tutti: 'Ora vediamo quando muori', hanno scritto. La giovane infermiera ha chiuso tutti i suoi profili per evitare ripercussioni sulla famiglia. E viene da chiedersi, se un no vax qualsiasi (che magari, però, prende otto tachipirine al giorno, fuma, beve e così via) possa provocare tutto ciò. Il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, si è espresso con una dura condanna a chi ha minacciato: 'È stata travolta da messaggi e attacchi no vax, al punto di dover chiudere i suoi social. Il suo sorriso ci ha raccontato una storia di forza e speranza. Una professionista che ha combattuto il Covid, come tante e tanti giovani che si sono improvvisamente trovati in prima linea, il 27 dicembre è stata la prima vaccinata del Lazio e d’Italia. Chi l'ha costretta a eliminare i suoi social e la sta minacciando dovrebbe vergognarsi', ha detto. Siamo sicuri che andrà tutto bene, anche a covid sconfitto? Di certo forse si può affermare con una certezza piuttosto concreta che non ne usciremo migliori. Aveva ragione Francesco Guccini.


















Note Legali


Velletri Life - www.velletrilife.com

Testata giornalistica registrata con autorizzazione del Tribunale di Velletri n°13/2013 in data 11-09-2013.

Aggiornamenti quotidiani in tempo reale.
Service Provider: Aruba

Per inviare comunicati e segnalazioni:
redazionevelletrilife@gmail.com

Facebook: Velletri Life Giornale

Twitter: VelletriLife

Il sito si avvale unicamente di cookies tecnici


VelletriLife     VelletriLife

CONTATTI: Redazione Velletri Life


Direttore e Proprietario:
Dott. Rocco Della Corte


Orari di apertura della Redazione (su appuntamento)
Sede: Via IV Novembre, 11 - 00049 Velletri (RM)

Dal Lunedì al Venerdì: 9,30-13,00
Sabato e Domenica: Chiuso.
Redazione web sempre operativa

Modalità di pubblicazione


Le collaborazioni con il Giornale sono da considerarsi del tutto gratuite e volontarie, salvo diverso accordo scritto con la Redazione. Tutti i collaboratori non hanno pertanto introiti e svolgono questo lavoro per sola passione. I materiali spediti in Redazione via email (articoli, immagini, interviste, etc) non verranno in nessun caso restituiti. La Redazione si riserva di pubblicare o meno i contenuti ricevuti a proprio insindacabile giudizio. Per la riproduzione o la citazione di articoli, immagini e/o contenuti è gradita una richiesta specifica via email. Talvolta vengono utilizzate immagini di repertorio tratte dal web: controlliamo scrupolosamente la fonte, ma qualora doveste ravvisare la presenza di immagini di vostra proprietà qui pubblicate inviateci una email e provvederemo a rimuoverle immediatamente.