Sostieni l'editoria indipendente,
fai una donazione volontaria a Velletri Life
IBAN: IT40H0760114800001030033649

intestato a Rocco Della Corte

26/01/2021 “Shoah”: conferenza per la “Giornata della Memoria” con Unitre Velletri    |     26/01/2021 Vaccino russo, un contributo al ragionamento con il dottor Fabio Taddei: focus sullo Sputnik     |     26/01/2021 Come e quanto spende il mio Comune? Da Velletri a Genzano...     |     26/01/2021 Con Nicola Lagioia viaggio nella “Città dei Vivi” in streaming per “In ascolto nei Prenestini”    |     26/01/2021 Doppio appuntamento con due autrici: attesa per Silvia Avallone e Cinzia Leone    |     25/01/2021 Pandemia a Lariano, sale a 594 il totale dei casi dall'inizio: 88 gli attuali positivi al covid-19    |     25/01/2021 Il Comune di Lariano contro il bullismo con il progetto "Blocca il bullo"    |     25/01/2021 Bruognolo (coordinatore Lega): "Subito i vaccini per gli operatori sanitari d'igiene ambientale"    |     25/01/2021 Illuminazione di via Fontana delle Fosse, la soddisfazione di Di Luzio: "Meglio tardi che mai"    |     23/01/2021 Velletri sotto shock: morto Aldo Recine, aveva 65 anni    |    








CULTURA

07/01/2021

Troppe incertezze per la riapertura delle scuole


di Comunicato della comunità educante del Liceo scientifico Landi.
altri articoli dello stesso autore


Siamo la comunità educante del Liceo Scientifico “A. Landi” di Velletri e ci uniamo ai colleghi dei tanti istituti di Roma e provincia, nel condividere le perplessità per il rientro a scuola previsto dopo le festività natalizie.  E’ del 6 gennaio 2021, l’ultima circolare diffusa dall’Usr Lazio, a seguito delle indicazioni emerse dal Consiglio dei Ministri ed espresse nel Decreto Legge ed è possibile che ne seguano altre. Dopo aver fatto avviare dai dirigenti scolastici, mai convocati ai diversi tavoli di lavoro organizzati a vario livello, una revisione, in pochissimi giorni, a tappe forzate di orari, modalità e tempistiche di ingresso per gli studenti, in nome di un rientro a scuola per le secondarie che man mano ha assunto aspetti quasi utopistici, ci si è dovuti fermare di fronte ad una realtà che presenta problemi oggettivi evidentemente non risolti, come i trasporti, i dati non rassicuranti di una situazione pandemica ancora in essere, le difficoltà logistiche concrete in cui scuole, personale, alunni e famiglie rischiano di trovarsi dall’oggi al domani. Ricordiamo che tutte le scuole superiori in Italia hanno fatto sempre lezione in DAD a partire dal mese di marzo e, se da una parte è evidente che tutti vorremmo ritornare in classe per garantire agli studenti soprattutto quella socializzazione che è parte integrante della vita scolastica, è anche vero che come personale docente siamo preoccupati, come i docenti di altre scuole (liceo Peano) “per il grave rischio sanitario a cui andiamo incontro noi docenti, insieme al personale A.T.A., agli alunni e alle rispettive famiglie, dovuto al rientro in presenza di una parte degli studenti. Ricordiamo che i docenti di scuola superiore, molti non più giovani, non ancora vaccinati e con un calendario delle vaccinazioni della Regione non ancora definito, hanno cattedre anche su 18 classi (come i docenti di IRC)”. I docenti incontrano mediamente 100 studenti al giorno e fino a 400 studenti a settimana! Solo con un adeguato piano di vaccinazioni potremo affrontare questa situazione. La nostra scuola ha visto sin da marzo 2020 il lavoro continuo, costante della Dirigenza, dei docenti e del personale per fronteggiare la situazione, stare vicino agli studenti e sostenerli in un momento di grande difficoltà. Sono state immediatamente attivate le lezioni in DAD fino a giugno. Durante l’estate i docenti si sono aggiornati per attivare strategie didattiche usufruendo delle tecnologie informatiche e a settembre la scuola ha approntato un puntuale piano di rientro in sicurezza, seguendo tutte le norme previste. Le classi, nonostante i proclami estivi, sono rimaste troppo numerose e in alcuni casi ci sono stati addirittura degli accorpamenti in nome di norme non aggiornate in tempo, rispetto ad una situazione pandemica. Denunciamo che, nonostante le continue richieste della Dirigenza per tensostrutture o ulteriori locali per garantire la presenza in sicurezza di tutti, ad oggi la situazione è rimasta invariata e tutte le promesse disattese. Il primo mese di frequenza in presenza del nuovo anno scolastico ha visto in Italia la percentuale dei contagi dei docenti salire del 300% e degli studenti del 388% e i docenti si sono contagiati il doppio rispetto alla popolazione (monitoraggio del ministero dell’Istruzione condiviso dall’ISS); nella nostra scuola abbiamo riscontrato numerosi casi di quarantene che hanno portato singoli e/o gruppi di studenti a perdere tantissime ore di lezione, perché impossibilitati a seguire in presenza le lezioni. Nonostante tutto, il personale, gli studenti e le famiglie hanno sempre dimostrato di essere pronti e disponibili rispetto ad ogni decisione ministeriale, pur di vedere garantito il diritto allo studio. Il forzato ritorno alla DAD ha permesso a tutti gli studenti di seguire in maniera stabile e in sicurezza le lezioni. Oggi, di fronte al nuovo repentino cambiamento, messo in atto nonostante tutte le precedenti indicazioni e tutto il lavoro svolto nelle singole scuole per organizzare al meglio quel rientro che era previsto per il 7 gennaio e che ora è, per il momento, slittato all’11 gennaio con indicazioni diverse, è evidente che non sussistono in realtà le condizioni di sicurezza alle quali tutti noi abbiamo diritto. Le norme di distanziamento nelle scuole non sono cambiate e il metro di distanza tra le rime buccali è lo stesso previsto a settembre, cioè in periodo in cui la situazione sanitaria sembrava sotto controllo, mentre in tutti gli altri posti di lavoro la distanza tra le persone è superiore al doppio di quella in essere in tutte le scuole di ordine e grado. I trasporti non sono stati potenziati adeguatamente ed è solo di questi ultimissimi giorni l’indagine da parte del Cotral per verificare chi utilizza i mezzi per recarsi a scuola. I turni previsti obbligherebbero gli studenti ad orari impossibili, impedendo loro uno studio proficuo, dal momento che la nostra utenza presenta problemi di pendolarismo, già evidenti in tempi normali. Tutto questo sinceramente ci lascia profondamente interdetti. E’ evidente che negli ultimi anni la Scuola è stata dimenticata, diventando il fanalino di coda sopratutto per i finanziamenti, e ora si cerca di correre ai ripari in modo improvvisato e inconcludente. Tutti vogliamo ritornare in presenza ma solo quando si potrà garantire: agli studenti di studiare in serenità, senza continui stravolgimenti per evitare il rischio di una destabilizzazione psicologica e di una conseguente sfiducia nei confronti dell’istituzione stessa a tutto il personale di lavorare confidando in una organizzazione che valorizzi la propria professionalità a tutti di lavorare in sicurezza.

 

Giovanni Abruzzese, Irene Baccarini, Katia Maria Bacchioni, Nicoletta Battaggia, Manuela Belli, Anna Maria Bianconi, Stefania Buccilli, Alessio Cannatelli Tommasina Caratelli, Silvia Censi, Marilena Ciarcia, Laura Coluzzi, Silvia De Bortoli, Giampero Diana, Rosalia Di Nardo, Elisabetta Ermacora, Maria Antonietta Fasolino, Sandra Fiandra, Alberto Foresi, Anna Rita Fusco, Laura Gasparrini, Donatella Giammatteo, Katarzyna Goscinska, Vito Iannaccone, Monia Lanni, Roberto Lanza, Marina Laurenti, Patrizia Leotta, Helena Lopez, Alessandra Mancini, Roberta Manciocchi, Maria Assunta Menichelli, Angelo Mastroianni, Maria Lucia Nevola, Francesca Maria Papaleo, Marco Pelagatti, Luigi Petruzziello, Angelo Piacentini, Luciana Olmo, Carla Quondansanti, Angelica Rodriguez, Sabina Sabatini, Paola Sambucci, Francesca Sangermano, Anna Dorinta Sangiorgi, Niccolò Santelli, Alessandro Sau, Gianfranca Scafuri, Anna Scurti, Cinzia Stecca, Teresa Tamburlani, Monika Troger, Cristina Uva, Fulvio Ventura, Gaetano Ventura.

 

Sara Bastianelli, Marco Caponi, Cedroni Antonella, Miria D’Achille,Rita Graziani, Alessandra Ionta, Maria Ivona, Tiziana Mancini, Antonella Marini, Tommasina Ografo, Paola Pagano, Francesca Paone, Marco Pone, Fabio Pontecorvi, Andrea Rori, Clementina Talone, Emanuela Trenta, Claudia Vicario.

 

La RSU di Istituto: Alessandra Ciarla, Gianna Nanni, Mariella Terra


















Note Legali


Velletri Life - www.velletrilife.com

Testata giornalistica registrata con autorizzazione del Tribunale di Velletri n°13/2013 in data 11-09-2013.

Aggiornamenti quotidiani in tempo reale.
Service Provider: Aruba

Per inviare comunicati e segnalazioni:
redazionevelletrilife@gmail.com

Facebook: Velletri Life Giornale

Twitter: VelletriLife

Il sito si avvale unicamente di cookies tecnici


VelletriLife     VelletriLife

CONTATTI: Redazione Velletri Life


Direttore e Proprietario:
Dott. Rocco Della Corte


Orari di apertura della Redazione (su appuntamento)
Sede: Via IV Novembre, 11 - 00049 Velletri (RM)

Dal Lunedì al Venerdì: 9,30-13,00
Sabato e Domenica: Chiuso.
Redazione web sempre operativa

Modalità di pubblicazione


Le collaborazioni con il Giornale sono da considerarsi del tutto gratuite e volontarie, salvo diverso accordo scritto con la Redazione. Tutti i collaboratori non hanno pertanto introiti e svolgono questo lavoro per sola passione. I materiali spediti in Redazione via email (articoli, immagini, interviste, etc) non verranno in nessun caso restituiti. La Redazione si riserva di pubblicare o meno i contenuti ricevuti a proprio insindacabile giudizio. Per la riproduzione o la citazione di articoli, immagini e/o contenuti è gradita una richiesta specifica via email. Talvolta vengono utilizzate immagini di repertorio tratte dal web: controlliamo scrupolosamente la fonte, ma qualora doveste ravvisare la presenza di immagini di vostra proprietà qui pubblicate inviateci una email e provvederemo a rimuoverle immediatamente.