Sostieni l'editoria indipendente, fai una donazione volontaria a Velletri Life
IBAN: IT40H0760114800001030033649

intestato a Rocco Della Corte

22/04/2021 "Intorcinati dentro a 'na bandiera": riapre la Mostra a Velletri    |     22/04/2021 Il dolore di Velletri e Lariano per il 43enne infermiere Fabio Errera morto di covid-19    |     22/04/2021 Il Liceo Landi di Velletri primo in Italia nella competizione nazionale di Robotica "MARRtino rover hackaton"    |     22/04/2021 Iniziano le vaccinazioni in Carcere: il vaccino sarà il Moderna    |     22/04/2021 La Xistos riparte….. dal podio    |     21/04/2021 In Consiglio cambia l'assetto, l'addio di Italia Viva alla maggioranza Pocci    |     21/04/2021 Linea Caesar, sospese le estumulazioni dei caduti veliterni durante la Guerra    |     21/04/2021 Aggressione di Colleferro, fermati due giovani: pugni e calci ad un ragazzo    |     21/04/2021 La Lega Arcobaleno scrive al Sindaco Pocci per il regolamento sull'assistenza domiciliare a Velletri    |     20/04/2021 Meglio non farlo sapere ai bambini    |    
 

MONDO

domenica 28 febbraio 2021





































II DOMENICA T.Q.

"Campanili e minareti": il "Vangelo" di don Gaetano Zaralli



di Dagli scritti di Gaetano Zaralli

altri articoli dello stesso autore



Mc 9,2-10

 

TESTO

Sei giorni dopo, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni e li condusse su un alto monte, in disparte, loro soli. Fu trasfigurato davanti a loro  e le sue vesti divennero splendenti, bianchissime: nessun lavandaio sulla terra potrebbe renderle così bianche. E apparve loro Elia con Mosè e conversavano con Gesù. Prendendo la parola, Pietro disse a Gesù: «Rabbì, è bello per noi essere qui; facciamo tre capanne, una per te, una per Mosè e una per Elia». Non sapeva infatti che cosa dire, perché erano spaventati. Venne una nube che li coprì con la sua ombra e dalla nube uscì una voce: «Questi è il Figlio mio, l'amato: ascoltatelo!». E improvvisamente, guardandosi attorno, non videro più nessuno, se non Gesù solo, con loro.

Mentre scendevano dal monte, ordinò loro di non raccontare ad alcuno ciò che avevano visto, se non dopo che il Figlio dell'uomo fosse risorto dai morti. Ed essi tennero fra loro la cosa, chiedendosi che cosa volesse dire risorgere dai morti.

 

COMMENTO

Fu trasfigurato davanti a loro…

 

Gesù subì un mutamento nelle vesti e nel corpo. Qui riscontriamo come l’evento sia in realtà inesprimibile e come il linguaggio degli evangelisti sia inadeguato: Matteo parla di “vesti candide come la luce”, Marco le descrive “splendenti, bianchissime, quali non le potrebbe rendere nessun lavandaio sulla terra”, Luca le definisce semplicemente “sfolgoranti”. I tre racconti tentano all’unisono di descrivere Gesù come fosse la fonte della luce.

 

Pietro disse a Gesù…

 

Gesù aveva incominciato ad annunziare la sua passione e risurrezione, aveva iniziato a parlare apertamente ai suoi discepoli della missione che lo attendeva a Gerusalemme.

L’ umanità di Pietro non comprende il significato profondo di questa scelta di Dio, egli vuole trattenere Gesù, farlo desistere dal suo impegno. Ancora una volta la logica umana si scontra con il pensiero di Dio. Non è in gioco un interesse particolare; è in gioco la vita; pertanto, colui che vuole essere discepolo, «rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua. Perché chi vorrà salvare la propria vita, la perderà; ma chi perderà la propria vita per causa mia, la troverà.» (Mt 16, 24-25)

 

Venne una nube che li coprì con la sua ombra…

 

Sullo sfondo del racconto vi è una nube avvolgente, una nube simbolo della presenza di Dio, di Dio che è sceso, si è avvicinato agli uomini, e tuttavia resta nascosto, Santo, separato dal mondo. Questa nube, che sul monte indicava la dimora di Dio, nell’evento della trasfigurazione viene a testimoniare che Dio è presente e proietta la sua ombra sui personaggi di quell’esperienza. Questa è dunque la risposta alle parole di Pietro: non tre capanne fatte da mano d’uomo, ma una nube, la nube dove dimora  Dio.

La realtà ultima e definitiva ci fa riflettere ulteriormente: non più una capanna, non più un Tempio, non più la Sancta Sanctorum, perché la Dimora-Presenza di Dio è in Gesù Cristo. Dirà Gesù alla samaritana: «Donna, viene l’ora, anzi è già venuta, in cui i veri adoratori adoreranno il Padre in Spirito (cioè nello Spirito Santo) e nella Verità (che è Gesù Cristo)» (Gv 4,23).

Passano i secoli e le diatribe tra credenti continuano senza tregua nello stabilire quali debbano essere  gli spazi fisici, dove adorare ciascuno il proprio Dio. Gli ebrei continueranno a costruire le sinagoghe a ridosso delle moschee, i musulmani innalzeranno nuovi  minareti sui cieli dove svettano già i campanili delle cattedrali e i cattolici metteranno bandierine ovunque, pur di prevalere con i loro santuari e le loro devozioni su ogni altro tipo di sentimento religioso.













Note Legali


Velletri Life - www.velletrilife.com

Testata giornalistica registrata con autorizzazione del Tribunale di Velletri n°13/2013 in data 11-09-2013.

Aggiornamenti quotidiani in tempo reale.
Service Provider: Aruba

Per inviare comunicati e segnalazioni:
redazionevelletrilife@gmail.com

Facebook: Velletri Life Giornale

Twitter: VelletriLife

Il sito si avvale unicamente di cookies tecnici



CONTATTI: Redazione Velletri Life


Direttore e Proprietario:
Dott. Rocco Della Corte


Orari di apertura della Redazione (su appuntamento)
Sede: Via IV Novembre, 11 - 00049 Velletri (RM)

Dal Lunedì al Venerdì: 9,30-13,00
Sabato e Domenica: Chiuso.
Redazione web sempre operativa


VelletriLife  
 
VelletriLife

Modalità di pubblicazione


Le collaborazioni con il Giornale sono da considerarsi del tutto gratuite e volontarie, salvo diverso accordo scritto con la Redazione. Tutti i collaboratori non hanno pertanto introiti e svolgono questo lavoro per sola passione. I materiali spediti in Redazione via email (articoli, immagini, interviste, etc) non verranno in nessun caso restituiti.
La Redazione si riserva di pubblicare o meno i contenuti ricevuti a proprio insindacabile giudizio. Per la riproduzione o la citazione di articoli, immagini e/o contenuti è gradita una richiesta specifica via email. Talvolta vengono utilizzate immagini di repertorio tratte dal web: controlliamo scrupolosamente la fonte, ma qualora doveste ravvisare la presenza di immagini di vostra proprietà qui pubblicate inviateci una email e provvederemo a rimuoverle immediatamente.