INTERVISTE
18/09/2020


Comandini a Leoni: “Inopportuno definirsi delegati del Sindaco senza un atto amministrativo”


Nell’ultimo Consiglio Comunale, prima che la bomba Servadio spostasse l’attenzione dalle questioni ordinarie, un’altra situazione di critica nei confronti dell’amministrazione è stata duramente mossa da parte del consigliere di opposizione Faliero Comandini. L’esponente leghista, infatti, è intervenuto rivolgendosi direttamente al Sindaco Pocci (e al capogruppo dem Mauro Leoni) per chiedere lumi sulla carica di “delegato del Sindaco”: “Ho sollevato con un’interrogazione al Sindaco per chiarezza, trasparenza e rispetto dei ruoli la vicenda. Pocci, però, non ha risposto. Per lui è normale che è un consigliere possa spendere il ruolo di ‘delegato del Sindaco’ e conseguentemente rappresentare il Comune senza alcun atto amministrativo. Di questo non sono d’accordo neanche giuridicamente”. “Quello che è ancor più grave” – prosegue l’avvocato Comandini – “è che tale questione è stata sollevata il 27 gennaio 2020 dall’Ufficio competente, che chiedeva a Pocci spiegazioni ufficiali sui consiglieri delegati e sulle manifestazioni assegnate. A questa lettera protocollata non è mai stata data una risposta”. Il consigliere leghista ha poi indicato altre anomalie, sempre in merito alle deleghe di Mauro Leoni: “Lo stesso convegno recentemente organizzato sul centro storico ha visto il consigliere Leoni dichiararsi per quel tipo di materia. Io ritengo che non sia questo il modo di operare, per trasparenza e altri motivi: se un consigliere ha una delega può svolgere funzioni per conto del Sindaco, ma senza delega fa solamente campagna elettorale preventiva andando dai cittadini a definirsi delegato. Questa interrogazione” – ha concluso Comandini – “è rimasta senza risposta. Ripeto che per me è inopportuno e illegittimo un simile comportamento, parliamo di pubblica amministrazione. Più grave ancora è che l’ufficio che chiede spiegazioni perché non ci capisce più niente, e non per sua colpa, si veda accusato dal Sindaco, il quale afferma che sia lo stesso ufficio a far confusione”. In attesa di repliche (l’avvocato Comandini ha chiesto spiegazioni anche sul suo profilo social, mentre la nostra Redazione ha contattato il consigliere Leoni per una sua dichiarazione), a quanto sembra il clima di tensione consiliare non accenna a stemperarsi.






















Note Legali


Velletri Life - www.velletrilife.com

Testata giornalistica registrata con autorizzazione del Tribunale di Velletri n°13/2013 in data 11-09-2013.

Aggiornamenti quotidiani in tempo reale.
Service Provider: Aruba

Per inviare comunicati e segnalazioni:
redazionevelletrilife@gmail.com

Facebook: Velletri Life Giornale

Twitter: VelletriLife

Il sito si avvale unicamente di cookies tecnici


VelletriLife     VelletriLife

CONTATTI: Redazione Velletri Life


Direttore e Proprietario:
Dott. Rocco Della Corte


Orari di apertura della Redazione (su appuntamento)
Sede: Via IV Novembre, 11 - 00049 Velletri (RM)

Dal Lunedì al Venerdì: 9,30-13,00
Sabato e Domenica: Chiuso.
Redazione web sempre operativa

Modalità di pubblicazione


Le collaborazioni con il Giornale sono da considerarsi del tutto gratuite e volontarie, salvo diverso accordo scritto con la Redazione. Tutti i collaboratori non hanno pertanto introiti e svolgono questo lavoro per sola passione. I materiali spediti in Redazione via email (articoli, immagini, interviste, etc) non verranno in nessun caso restituiti. La Redazione si riserva di pubblicare o meno i contenuti ricevuti a proprio insindacabile giudizio. Per la riproduzione o la citazione di articoli, immagini e/o contenuti è gradita una richiesta specifica via email. Talvolta vengono utilizzate immagini di repertorio tratte dal web: controlliamo scrupolosamente la fonte, ma qualora doveste ravvisare la presenza di immagini di vostra proprietà qui pubblicate inviateci una email e provvederemo a rimuoverle immediatamente.