Sostieni l'editoria indipendente, fai una donazione volontaria a Velletri Life
IBAN: IT40H0760114800001030033649

intestato a Rocco Della Corte

22/04/2021 "Intorcinati dentro a 'na bandiera": riapre la Mostra a Velletri    |     22/04/2021 Il dolore di Velletri e Lariano per il 43enne infermiere Fabio Errera morto di covid-19    |     22/04/2021 Il Liceo Landi di Velletri primo in Italia nella competizione nazionale di Robotica "MARRtino rover hackaton"    |     22/04/2021 Iniziano le vaccinazioni in Carcere: il vaccino sarà il Moderna    |     22/04/2021 La Xistos riparte….. dal podio    |     21/04/2021 In Consiglio cambia l'assetto, l'addio di Italia Viva alla maggioranza Pocci    |     21/04/2021 Linea Caesar, sospese le estumulazioni dei caduti veliterni durante la Guerra    |     21/04/2021 Aggressione di Colleferro, fermati due giovani: pugni e calci ad un ragazzo    |     21/04/2021 La Lega Arcobaleno scrive al Sindaco Pocci per il regolamento sull'assistenza domiciliare a Velletri    |     20/04/2021 Meglio non farlo sapere ai bambini    |    
 

MONDO

sabato 3 aprile 2021





































BUONA PASQUA

"Il colore degli occhi": il Vangelo di don Gaetano Zaralli per Pasqua



di Dagli scritti di Gaetano Zaralli

altri articoli dello stesso autore



TESTO

Il primo giorno della settimana, Maria di Màgdala si recò al sepolcro di mattino, quando era ancora buio, e vide che la pietra era stata tolta dal sepolcro. Corse allora e andò da Simon Pietro e dall'altro discepolo, quello che Gesù amava, e disse loro: «Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l'hanno posto!». Pietro allora uscì insieme all'altro discepolo e si recarono al sepolcro. Correvano insieme tutti e due, ma l'altro discepolo corse più veloce di Pietro e giunse per primo al sepolcro. Si chinò, vide i teli posati là, ma non entrò. Giunse intanto anche Simon Pietro, che lo seguiva, ed entrò nel sepolcro e osservò i teli posati là, e il sudario - che era stato sul suo capo - non posato là con i teli, ma avvolto in un luogo a parte. Allora entrò anche l'altro discepolo, che era giunto per primo al sepolcro, e vide e credette. Infatti non avevano ancora compreso la Scrittura, che cioè egli doveva risorgere dai morti.

 

COMMENTO

Il primo giorno della settimana…

 

Le sorprese del giorno dopo, quando potrebbero essere positive, non sempre le abbiamo nel cuore… Festeggiamo la domenica con solennità, ma il giorno dopo, al risveglio, nessuna cosa ci sorprende, perché nulla è accaduto di straordinario, nonostante le tante messe scrupolosamente celebrate e devotamente seguite il giorno prima. Molti credenti, con esemplare senso del dovere, la domenica vanno in chiesa, ma nulla di particolare accadrà nel corso della settimana che segue, perché nessuna energia può sprigionarsi da un pregare, senza che l’anima partecipi  con passione.

E i morti in nessun modo risorgeranno. Per tante comunità cristiane, infatti,  il giorno dopo la festa, i sepolcri restano chiusi, perché nella notte della riflessione nessuno si è azzardato a ribaltare la pietra degli egoismi.  E intanto il mondo continua a vivere la sua storia, senza la gioia di una possibile resurrezione.

 

'Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l`hanno posto!'.

 

Lo sgomento aggredisce la nostra umana fragilità, quando le certezze che con cura avevamo riposto nel buio della tomba, all’improvviso vengono a mancare.

Si era certi di aver raggiunto la pace interiore col compiere, giorno dopo giorno, il proprio dovere, impacchettando le opere buone da presentare al botteghino del paradiso, ma all’improvviso è successo qualcosa,  l’incantesimo è finito  e la fede è venuta meno.

È più facile seppellire i morti che non sperare nella loro resurrezione.

È più semplice imbalsamare i corpi dei nostri cari e ricoprirli di fiori, anziché  crederli nel regno dei cieli, dove rinascono a nuova vita, dove l’amore di Dio li bacia e li accarezza per l’eternità.

 

Non avevano infatti ancora compreso la Scrittura, che cioè egli doveva risuscitare dai morti.

 

La fede ha un senso quando la mente ha il coraggio di librarsi nel vuoto.

Ora, dinanzi ai due apostoli, non c’è più un corpo da toccare, non c’è più una salma da venerare. L’umanità di Cristo ormai si è dissolta e in pochi giorni la storia dimenticherà i lineamenti del suo volto,  mai più alcuno ascolterà la sua voce, mai più lacrime di donna bagneranno i suoi piedi. Di lui resterà la Parola e questa  rimbalzerà  di generazione in generazione… nei secoli.

Ora che la fantasia non rincorre più l’immagine santino di Gesù, non ho più bisogno di conoscere il colore dei suoi occhi, né avverto la necessità di camminare alla sua ombra; ora che il mio cuore è stracolmo del suo amore,  sento forte la voglia di pensarlo reale nella sua Verità e presente nella dinamicità di chi gli crede.













Note Legali


Velletri Life - www.velletrilife.com

Testata giornalistica registrata con autorizzazione del Tribunale di Velletri n°13/2013 in data 11-09-2013.

Aggiornamenti quotidiani in tempo reale.
Service Provider: Aruba

Per inviare comunicati e segnalazioni:
redazionevelletrilife@gmail.com

Facebook: Velletri Life Giornale

Twitter: VelletriLife

Il sito si avvale unicamente di cookies tecnici



CONTATTI: Redazione Velletri Life


Direttore e Proprietario:
Dott. Rocco Della Corte


Orari di apertura della Redazione (su appuntamento)
Sede: Via IV Novembre, 11 - 00049 Velletri (RM)

Dal Lunedì al Venerdì: 9,30-13,00
Sabato e Domenica: Chiuso.
Redazione web sempre operativa


VelletriLife  
 
VelletriLife

Modalità di pubblicazione


Le collaborazioni con il Giornale sono da considerarsi del tutto gratuite e volontarie, salvo diverso accordo scritto con la Redazione. Tutti i collaboratori non hanno pertanto introiti e svolgono questo lavoro per sola passione. I materiali spediti in Redazione via email (articoli, immagini, interviste, etc) non verranno in nessun caso restituiti.
La Redazione si riserva di pubblicare o meno i contenuti ricevuti a proprio insindacabile giudizio. Per la riproduzione o la citazione di articoli, immagini e/o contenuti è gradita una richiesta specifica via email. Talvolta vengono utilizzate immagini di repertorio tratte dal web: controlliamo scrupolosamente la fonte, ma qualora doveste ravvisare la presenza di immagini di vostra proprietà qui pubblicate inviateci una email e provvederemo a rimuoverle immediatamente.