Sostieni l'editoria indipendente, fai una donazione volontaria a Velletri Life
IBAN: IT40H0760114800001030033649

intestato a Rocco Della Corte

22/04/2021 "Intorcinati dentro a 'na bandiera": riapre la Mostra a Velletri    |     22/04/2021 Il dolore di Velletri e Lariano per il 43enne infermiere Fabio Errera morto di covid-19    |     22/04/2021 Il Liceo Landi di Velletri primo in Italia nella competizione nazionale di Robotica "MARRtino rover hackaton"    |     22/04/2021 Iniziano le vaccinazioni in Carcere: il vaccino sarà il Moderna    |     22/04/2021 La Xistos riparte….. dal podio    |     21/04/2021 In Consiglio cambia l'assetto, l'addio di Italia Viva alla maggioranza Pocci    |     21/04/2021 Linea Caesar, sospese le estumulazioni dei caduti veliterni durante la Guerra    |     21/04/2021 Aggressione di Colleferro, fermati due giovani: pugni e calci ad un ragazzo    |     21/04/2021 La Lega Arcobaleno scrive al Sindaco Pocci per il regolamento sull'assistenza domiciliare a Velletri    |     20/04/2021 Meglio non farlo sapere ai bambini    |    
 

ATTUALITÀ

martedì 6 aprile 2021



















IL RICORDO

Addio al professor Giovanni Ponzo, docente e amico di Velletri





In questa Pasqua ci ha lasciati il professor Giovanni Ponzo: un collega ed amico, docente presso la facoltà di Scienze Politiche dell'università di Chieti/Teramo. Ho sempre avuto con Lui un rapporto di amicizia, aperta al confronto e alla discussione, sul tema, ad entrambi molto caro, dei modi di conservazione e trasmissione della cultura popolare, nella realtà, complessa e ambigua, dell'odierna civiltà dell'immagine e dei social. Già dal suo 'Le origini della libertà di stampa in Italia 1846-1852', Giuffrè, 1980 Giovanni si rivela sensibile analista del funzionamento dell'informazione nei diversi Stati dell'Italia risorgimentale, attraverso una disamina attenta di tutta la stampa periodica, nel momento cruciale del Quarantotto. La comunità veliterna non potrà dimenticare l'importante opera da lui compiuta a partire dagli impetuosi Settanta, quando, dando vita a ' 'O Stazzo' (ospite di Enzo Tortora a 'Portobello' nel 1983), il Professore trasmette ai giovani la passione e l'amore per le tradizioni, raccogliendo testimonianze sui balli popolari del territorio, in un ultimo sussulto della nostra civiltà contadina, avviata, quasi ovunque in Italia, verso l'estinzione. Esemplare è la sua riscoperta di Cencio Vendetta, tragedia di un brigante dell'Ottocento, autore del furto della trecentesca tavola della Madonna delle Grazie di Velletri, giustiziato nel 1858. Conservata nell'oralità popolare, egli la trascrive e mette in scena, con notevole successo di pubblico, reinserendola nella memoria collettiva ( mio figlio a scuola l'ha recitata in quinta elementare). Il desiderio del confronto con le tradizioni di altri popoli lo spingono a fondare a Velletri le Giornate Internazionali del Folklore, evento continuato con successo dalla figlia Sabina . Sono sicuro che la sua lezione, già da Lei raccolta, preveda ulteriori sviluppi, e che questa storia trovi nuovi narratori all' altezza, e l'appoggio delle Istituzioni. Una comunità che ha espresso ricchezza di tali testimoni non merita di franare definitivamente nell'anonimato della indistinta 'area metropolitana'. Un abbraccio alla famiglia.













Note Legali


Velletri Life - www.velletrilife.com

Testata giornalistica registrata con autorizzazione del Tribunale di Velletri n°13/2013 in data 11-09-2013.

Aggiornamenti quotidiani in tempo reale.
Service Provider: Aruba

Per inviare comunicati e segnalazioni:
redazionevelletrilife@gmail.com

Facebook: Velletri Life Giornale

Twitter: VelletriLife

Il sito si avvale unicamente di cookies tecnici



CONTATTI: Redazione Velletri Life


Direttore e Proprietario:
Dott. Rocco Della Corte


Orari di apertura della Redazione (su appuntamento)
Sede: Via IV Novembre, 11 - 00049 Velletri (RM)

Dal Lunedì al Venerdì: 9,30-13,00
Sabato e Domenica: Chiuso.
Redazione web sempre operativa


VelletriLife  
 
VelletriLife

Modalità di pubblicazione


Le collaborazioni con il Giornale sono da considerarsi del tutto gratuite e volontarie, salvo diverso accordo scritto con la Redazione. Tutti i collaboratori non hanno pertanto introiti e svolgono questo lavoro per sola passione. I materiali spediti in Redazione via email (articoli, immagini, interviste, etc) non verranno in nessun caso restituiti.
La Redazione si riserva di pubblicare o meno i contenuti ricevuti a proprio insindacabile giudizio. Per la riproduzione o la citazione di articoli, immagini e/o contenuti è gradita una richiesta specifica via email. Talvolta vengono utilizzate immagini di repertorio tratte dal web: controlliamo scrupolosamente la fonte, ma qualora doveste ravvisare la presenza di immagini di vostra proprietà qui pubblicate inviateci una email e provvederemo a rimuoverle immediatamente.